''LA BOTTEGA DI PIEMONTI''. RICERCA DI UN PARTNER PER IL PROGETTO

L'Uncem presenta il nuovo progetto di promozione dei prodotti enogastronomici delle Terre Alte

UNCEM Piemonte, nel quadro delle sue azioni a favore dello sviluppo delle attività commerciali, manifatturiere e turistiche della montagna piemontese, intende avviare un progetto, denominato provvisoriamente "La Bottega di PieMonti".

Tale progetto è finalizzato alla promozione e vendita dei prodotti di montagna utilizzando i canali della distribuzione ordinaria, specializzata e della media e grande distribuzione, avvalendosi inoltre di ogni possibile strumento tecnologico, in particolar modo della rete internet .

UNCEM Piemonte con questo progetto intende consolidare l'economia delle aziende agricole e delle imprese manifatturiere ubicate sul territorio montano al fine di incrementare l'economia più complessiva della montagna.

Il progetto intende responsabilizzare maggiormente i consumatori in generale e i consumatori-cittadini delle aree urbane in particolare  sulle proprietà organolettiche e sulle proprietà di genuinità del prodotto di montagna che  sono generalmente molto più elevate rispetto  a quelle prodotte altrove e soprattutto rispetto a quelle  di provenienza estera.

Acquistando il prodotto di montagna i consumatori permettono un piccolo incremento del reddito delle popolazioni residenti in montagna; tutto ciò permetterà nel medio e lungo periodo se non di invertire la tendenza, almeno di rallentare lo spopolamento delle vallate alpine e appenniniche, fenomeno questo che produce enormi danni all'ambiente con ricadute importanti anche sotto l'aspetto economico sui fondo valle e nelle città (è sufficiente pensare alle alluvioni, spesso determinate dall'abbandono delle montagne da parte dei suoi abitanti;  la montagna in questi casi non viene più presidiata, coltivata e mantenuta pulita, i letti dei fiumi non vengono più ripuliti, e i danni che si producono al fondo valle e nelle città dovrà poi essere risarcito dallo stato, ovvero da tuti noi?).

Il progetto altro non propone che avvenga una piccola perequazione tra città e montagna, perequazione che vede offrire in cambio di un po' di solidarietà, produzioni ottime sotto tutti i profili (genuinità, freschezza, gusto?).

Uncem Piemonte, mediante la società PieMonti Risorse Srl, per il progetto sopra menzionato intende avvalersi di una società esperta nel settore della distribuzione commerciale in possesso dei requisiti giudicati indispensabili per il raggiungimento degli obiettivi progettuali.

La società dovrà presentare in una descrizione analitica le sue caratteristiche e le comprovate capacità di relazione in ambito commerciale sia nella piccola sia nella media e grande distribuzione commerciale. L'impresa con cui PieMonti risorse intende sottoscrivere il contratto di commercializzazione deve dimostrare di essere idonea allo scopo elencando, oltre al resto, anche  i mezzi di cui dispone e le relazioni commerciali già in essere alla data di presentazione del proprio curriculum.

La società nella proposta che qui si manifesta dovrà fra l'altro:

1.   interfacciarsi con le aziende di cui all'elenco messo a disposizione da PieMonti Risorse e con ogni altra azienda ubicata nel territorio montano purché rispondente ai requisiti di qualità delle produzioni, come da descrizione del progetto e-commerce illustrato sui siti UNCEM e PieMonti Risorse, e provvedere alla stipula di un contratto per la fornitura di prodotti.

2.   la società incaricata dovrà favorire il contatto con le imprese al fine di stipulare un contratto con PieMonti R. per poter usufruire del marchio di commercializzazione in fase di realizzazione da apposita società di comunicazione. Tale marchio sarà depositato in Camera di Commercio e sarà un marchio identitario ovvero in grado di comunicare le molteplici proprietà dei prodotti rappresentati tra cui la provenienza (da territorio montano o di valle o di fondo valle) e le qualità organolettiche e di genuinità

3.   L'impresa dovrà raccordarsi con soggetti istituzionali e non, tra cui associazioni di categoria, consorzi e ogni altro enti rappresentativo di aziende montane interessate ad un coinvolgimento diretto al progetto.


Il contratto con PieMonti prevede la possibilità di utilizzo del marchio sui prodotti dell'azienda e sul packaging per un periodo di un anno dal momento della stipula del contratto contro un pagamento per la sua utilizzazione.

Alla scadenza occorrerà rinnovare il contratto. Il costo del contratto a carico di ciascuna singola azienda per l'iscrizione nel database della bottega di PieMonti sarà determinato al più presto con una decisione del CDA di PieMonti Risorse..

Ciascuna singola azienda aderente al progetto dovrà fatturare all'impresa incaricata da Piemonti Risorse la fornitura dei prodotti consegnati per la vendita secondo il valore stabilito nel contratto posto in essere come previsto al punto 1).

A PieMonti risorse sarà riconosciuta da parte dell'impresa una percentuale in termini di provvigione variabile a seconda della tipologia dei prodotti posti in vendita e dei fatturati.

PieMonti Risorse inoltre si impegna a realizzare, compatibilmente con le risorse disponibili, campagne informative sui principali networks allo scopo di favorire la penetrazione sul mercato dei prodotti della Bottega di PieMonti, nonché ad utilizzare i social network, internet e ogni altro mezzo di comunicazione moderno atto a consolidare il livello di penetrazione dei prodotti da commercializzare.
Per favorire detta campagna promozionale PieMonti Risorse intende anche realizzare materiale promo pubblicitario e gadgettistico coordinato.

La società incaricata si impegna a fornire ogni utile consiglio e supporto al fine di raggiungere il medesimo obiettivo.


Uncem
images/slices/header_dx_download.png