''A SCUOLA DI MONTAGNA'' MARTEDÌ 18 LA PRESENTAZIONE DEL CATALOGO DEL TURISMO SCOLASTICO

A Torino, alle ore 12, conferenza stampa nella sala multimediale della Regione Piemonte in via Avogadro 30
Nuovo anno scolastico, nuovo catalogo del turismo per gli studenti delle elementari, medie e del biennio delle superiori che sono tornati sui banchi di scuola. Nuovi viaggi per scoprire il territorio, più di cento itinerari nei 553 Comuni delle 22 Comunità montane piemontesi. Le Terre Alte ritornano a essere il luogo ideale dove imparare divertendosi, dedicato a insegnanti, dirigenti scolastici, educatori, personale non docente e naturalmente ai bambini e ai ragazzi. Nello scorso anno scolastico oltre 12mila studenti piemontesi hanno scelto le mete contenute nel catalogo "A scuola di montagna", realizzato da Uncem Piemonte con il sostegno della Regione Piemonte. Itinerari da uno a tre giorni per scoprire tramite musei, parchi naturali, rifugi alpini, grotte e castelli, la cultura, la storia e la natura della montagna piemontese. L'edizione 2012/2013 del catalogo "A scuola di montagna" verrà presentata martedì 18 settembre alle ore 12 in una conferenza stampa che si terrà nella sala multimediale della Regione Piemonte in via Avogadro 30, a Torino. Interverranno l'assessore regionale all'Istruzione, Turismo e Sport Alberto Cirio, il presidente dell'Uncem Piemonte Lido Riba, la coordinatrice Asapi Gabriella Mortarotto. "L'esperienza del catalogo "A scuola di Montagna" giunge a una nuova edizione - afferma Alberto Cirio, assessore regionale all'Istruzione, Turismo e Sport - e sono lieto di sapere che le sue pagine arriveranno sui banchi di tutte le scuole piemontesi e di molte della vicina Lombardia. Più di 100 itinerari realizzati con il coordinamento dell'Uncem, grazie alla preziosa collaborazione delle Comunità montane e di tour operator specializzati, che offrono una visione completa dei tantissimi motivi per cui scegliere di organizzare un viaggio d'istruzione sulle straordinarie vette alpine del Piemonte. La scuola è il luogo naturale in cui si insegnano le scienze della terra e la geografia, ma il nostro territorio, come sosteneva il grande geologo piemontese Federico Sacco, è il libro migliore su cui imparare queste materie dal vivo!". Tutti i viaggi comprendono trasporto, biglietti di ingresso a musei, accompagnatori e guide, assicurazione, attività didattiche e laboratori, pranzi e possibilità di degustazione di prodotti enogastronomici tipici. Un mix perfetto per scegliere la montagna. Non a caso il territorio montano, con il catalogo "A scuola di montagna" ha lanciato la sfida alle "capitali del turismo" per le scuole, a partire da Torino, Roma, Venezia, Firenze. Meglio scegliere un itinerario piemontese, vicino alla scuola, per scoprire quel territorio troppo spesso dimenticato. A prezzi anticrisi: non più di 15 euro per la giornata intera, 100 euro per tre giorni di soggiorno. Anche in questa dimensione, la montagna risulta essere affascinante, economica ma piena di possibilità. "Poche altre regioni - spiega il presidente Uncem Lido Riba - sono in grado di offrire al visitatore uno scenario così vario per ambienti naturali, storia e cultura. La montagna Piemontese è un universo tutto da scoprire, o meglio da riscoprire, al ritmo lento e cadenzato delle camminate, lungo antichi e nuovi sentieri. Stupirsi dell' incontro con un capriolo, rivivere i lavori e la vita del passato o emozionarsi di fronte ad un paesaggio incontaminato. Questo è l'invito che lanciamo a insegnanti, dirigenti scolastici e agli studenti. Insomma, non ci sono solo le grandi città come Roma, Venezia, Firenze dove portare i ragazzi. Queste "capitali del turismo scolastico" non bastano più. C'è bisogno di tornare a scoprire il territorio che ci circonda, pieno di risorse, denso di quel patrimonio da imparare che i nostri bambini e ragazzi si porteranno dietro per tutta la vita".
Uncem
images/slices/header_dx_download.png