ELETTA LA GIUNTA UNCEM PIEMONTE: VIA AGLI INCONTRI NELLE UNIONI. MASSIMO SUPPORTO AI SINDACI E AI PRESIDENTI DEI NUOVI ENTI

L'organo è composto da quattordici sindaci e consiglieri comunali. Venerdì e sabato a Torino il Congresso nazionale dell'Uncem. Mobilitazione contro tagli e norme che penalizzano i Comuni
Il Consiglio dell'Uncem Piemonte, eletto nel corso del Congresso regionale dell'11 aprile, ha nominato ieri la Giunta della Delegazione che affiancherà il presidente Lido Riba. È composta da 14 sindaci e consiglieri comunali; i membri sono Ernestina Assalto, sindaco di Lanzo Torinese e presidente dell'Unione montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone; Paola Vercellotti, consigliere comunale di Callabiana; Ugo Boccacci, presidente del Gal Alpi del Mare; Marco Bussone, consigliere Unione montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone; Pierangelo Carrara, vicepresidente Unione montana Valsesia; Roberto Colombero, sindaco di Canosio e presidente Unione montana Valli Grana e Maira; Stefano Costa, sindaco di Baceno e presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola; Giorgio Ferraris, sindaco di Ormea; Carlo Grosso, sindaco di Mosso e presidente Unione montana del Biellese orientale; Paolo Marchesa Grandi, sindaco di Loreglia; Aldo Perotti, sindaco di Crissolo; Sandro Plano, sindaco di Susa e presidente Unione montana Valle Susa; Franco Ravera, sindaco di Belforte Monferrato e presidente Unione montana Dal Tobbio alla Colma; Roberto Vaglio, vicepresidente del Formont. Paola Vercellotti e Marco Bussone sono stati eletti dal Consiglio vicepresidenti della Delegazione piemontese dell'Uncem.

Nel corso dell'incontro il presidente Uncem ha evidenziato le
necessità di un confronto e un dialogo con la Regione per risolvere in tempi rapidi tutte le criticità della transizione da Comunità a Unioni montane. "È un percorso complesso, più che in altre Regioni - ha detto Lido Riba - che Uncem si impegna a supportare". "Avvieremo - hanno aggiunto Paola Vercellotti e Marco Bussone, vicepresidenti - incontri in tutti i territori, in tutte le Unioni montane. Sarà importante registrare e risolvere i problemi, ascoltare i sindaci e garantire la piena, continua disponibilità per gli amministratori. Viviamo una fase difficilissima nei nostri Enti locali. Uncem vuole continuare a supportare i colleghi che ogni giorno si impegnano sul territorio, con grande fatica e passione. In questa direzione, abbiamo dato la piena disponibilità al presidente Riba e al Consiglio dell'Uncem".

Lanciata dal Consiglio una mobilitazione contro i tagli e i provvedimenti che penalizzano i Comuni. I fronti dell'impegno istituzionale, non solo fatto di protesta, ma anche di proposte e dialogo, verranno approfonditi nel corso del Congresso nazionale Uncem, venerdì 8 e sabato 9 maggio presso il Centro incontri della Regione in corso Stati Uniti a Torino. "Invitiamo tutti i sindaci, gli assessori e i consiglieri dei Comuni montani a essere presenti - ha evidenziato Lido Riba in una lettera inviata nelle scorse ore - affinché dal confronto, dallo scambio di esperienze, dall'analisi delle politiche attuali e future per gli Enti locali, ma anche dalle critiche verso i tagli e i provvedimenti negativi per i Comuni, si possano costruire nuove opportunità di crescita e un nuovo protagonismo in Italia per gli Enti, per una montagna che crede nello sviluppo socio-economico e nei migliori servizi per i cittadini".



Uncem
images/slices/header_dx_download.png