ALLEGATI

Proposta per la creazione di sportelli multiservizio Proposta per la creazione di sportelli multiservizio
Scarica il pdf cliccando sull'icona a sinistra

POSTE RIAPRE IL TAVOLO DI CONCERTAZIONE CON LA REGIONE E CON LE ASSOCIAZIONI DEGLI ENTI LOCALI

Uncem, Anci e Legautonomie hanno partecipato oggi pomeriggio al tavolo di concertazione che Poste Italiane ha riaperto con la Regione Piemonte, alla presenza del vicepresidente Aldo Reschigna. Dall'azienda, la conferma del blocco delle riduzioni e delle chiusure degli sportelli nel 2016 e nel 2017. Ma anche la disponibilità a rivedere con i Comuni alcune rimodulazioni avvenute nel 2015. Sulla corrispondenza consegnata a giorni alterni, Poste ha mostrato i dati relativi alla riduzione del 10% annua dei volumi di lettere e ha confermato l'impegno a una distribuzione dei giornali quotidiani con rete parallela in 2000 Comuni italiani.
Uncem ha ribadito una necessità, che da 10 anni viene portata ai tavoli e che è stata presentata formalmente al tavolo nazionale guidato dal Ministro Costa l'ultima volta nel marzo 2016. E cioè il necessario impegno dell'azienda ad attivare una serie di sportelli multiservizi nei piccoli Comuni. Da dieci anni Uncem fa proposte in questa direzione. L'azienda, pur ammettendo l'opportunità di un percorso in questo senso, non ha finora avviato nessuna sperimentazione nei piccoli Comuni delle Terre Alte.

A sinistra è possibile il documento firmato dal Presidente nazionale on. Enrico Borghi che chiede all'azienda un segnale concreto in questa direzione.

Uncem
images/slices/header_dx_download.png